L’importanza della Telemedicina

La telemedicina è anche essa una disciplina che fa riferimento alle tecnologie informatiche applicate al mondo reale, alla quotidianità di ognuno di noi,anzi: migliora notevolmente l’efficienza del nostro sistema sanitario, applicabile a organizzazioni quali case di cura o centri ospedalieri, per perfezionare la qualità dei servizi offerti ai clienti. A questo fenomeno si aggiunge quello della sicurezza e del trattamento dei dati personali, tema di cui parleremo in un successivo articolo.

Lo scenario della Sanità Elettronica italiano risulta caratterizzato da un ambito strategico
nazionale e da rilevanti interventi in ambito locale.
Il contesto strategico-nazionale è delineato da:
– Piano Sanitario Nazionale. Al momento, il PSN di riferimento è relativo al triennio 2003-2005.
– Documento “Sanità Elettronica” approvato dal CMSI nella seduta del 16 Marzo 2004 e promosso dal Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie e dal Ministero della Salute.
–  Linee Progettuali Prioritarie
• con riferimento al PSN 2003-2005, l’accordo sancito dalla Conferenza Permanente Stato-Regioni il 24 Luglio                2003 e successivamente integrato nella seduta del 29 Luglio 2004, individua cinque linee progettuali a carattere
prioritario e di rilievo nazionale.
• nell’ ambito della dichiarazione congiunta tra il Ministro della Salute e gli Assessori Regionali alla Sanità, in                   occasione del Forum “Sanità Futura” svoltosi a Cernobbio il 6 Aprile 2004 sono state congiuntamente individuate
due linee di intervento necessarie e, in relazione a queste una serie di priorità di attuazione.

Nel suddetto contesto, i cui obiettivi comunemente condivisi sono quelli di perseguire l’interesse del cittadino utente, una maggiore efficienza ed efficacia del sistema, nonché garantire livelli essenziali di assistenza sul territorio nazionale, è possibile definire tre livelli strategici dell’eHealth.
• 1° livello – è rappresentato dal Nuovo Sistema Informativo Sanitario, in fase di realizzazione, quale strumento comune finalizzato al perseguimento di obiettivi di governo, di servizio e di comunicazione.
• 2° livello – è costituito dai Mattoni del SSN, vale a dire il patrimonio semantico comune costituito da metodologie, classificazioni e codifiche uniformi. I Mattoni SSN definiscono i Livelli Essenziali di Informazione (LEI) che rappresentano il set minimo di informazioni che i sistemi informativi a supporto dei processi clinico-assistenziali
devono essere in grado di generare per le finalità di organizzazione, gestione e governo dei Livelli Essenziali di Assistenza. I Mattoni SSN sono già in corso di realizzazione.
• 3° livello – è costituito dal Livello Locale intendendo, con questo, i processi ed i sistemi informativi di supporto alla erogazione dei servizi al cittadino nonché a supporto del Governo della Sanità a livello Regionale e Territoriale.

Lo scenario di decentramento nel quale si colloca il nostro paese, in assenza di un quadro strategico unitario di orientamento, ha portato alla differenziazione a livello locale dei modelli sanitari, degli approcci e delle scelte conseguentemente adottate sia in termini organizzativi che tecnologici nonché allo sviluppo “a macchia di leopardo” di esperienze e best practices significative in contesti disomogenei. Si rende quindi necessaria un’azione coordinata nell’ ambito del terzo livello che, in coerenza con i primi due, affronti tematiche di sviluppo coerenti, nell’ ambito di un programma la cui articolazione sarà obiettivo del Tavolo di Lavoro Sanità Elettronica.

Rilevanti interventi in corso relativamente alla sanità elettronica sono:
• I servizi e le infrastrutture realizzate in ambito sanitario dall’ eGovernment Fase I promosso dal Ministro per
l’Innovazione e le Tecnologie. Molti di questi progetti si trovano in avanzato stato di realizzazione e risultano particolarmente interessanti in considerazione dell’opportunità di accedere al c.d. “ catalogo del riuso” definito per l’attuazione della II fase di eGovernment. Relativamente a questa seconda fase sono di particolare interesse i progetti relativi al Sistema Pubblico di Connettività (SPC) e ai servizi infrastrutturali di cooperazione applicativa che potranno essere abilitanti alla messa in rete e all’ erogazione di servizi nell’ ambito dei sistemi
socio sanitari territoriali.
• I programmi finanziati dal Cipe per le regioni Obiettivo 1 e coordinati dal Ministro per l’Innovazione e le tecnologie relativi alla sanità elettronica tra i quali ricordiamo: Rete dei Medici di Medicina Generale, Telemedicina e Tele-formazione.
• I progetti regionali e territoriali promossi dalle Amministrazioni Locali che possono rappresentare best practices di riferimento anche ai fini del PSE.
• Il progetto “Tessera Sanitaria ”, promosso dal Ministero dell’Economia, finalizzato al controllo della spesa sanitaria
all’ interno delle singole regioni.

 

Questa è solo un introduzione riguardante lo scenario nazionale sulla complementarietà tra sanità e informatica: più avanti verranno esaminati i mezzi e gli strumenti utilizzati per questi scopi.

Commento (1)

  • Informaticanelreale.it - Sito Partner - Informarsi.net| 12 Maggio 2016

    […] L’importanza della Telemedicina […]

  • Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *